Polisportiva Senna con i disabili

27 Gennaio 2021
1 minuto di lettura

Senna Comasco è un comune con poco più di tremila abitanti che, per la presenza massiccia di querce, era in passato luogo ideale dove allevare maiali allo stato brado.
È anche per questo che la Polisportiva Senna ha scelto come simbolo un simpatico maialino sdraiato su tre palloni: uno da calcio, uno da basket e uno da pallavolo.
Le molteplici declinazioni sportive del sodalizio, nato nel settembre del 1983, si rivolgono anche ai disabili, come spiega il presidente Patrizio Passeri, determinato a lanciare questo accorato appello, fondamentale in piena era Covid: «Purtroppo lo sport per disabili viene dimenticato. C’è assoluto bisogno di riaprire le palestre e i centri sportivi – certo in piena sicurezza – per far sì che i ragazzi tornino a giocare, a divertirsi e a relazionarsi all’interno della comunità. Bisogna farlo subito, altrimenti il rischio è molto alto: perdere anni di intenso lavoro».
Ospite di Filippo Brusa, nella seconda parte della sedicesima puntata di 55 Sport, è anche Stefano Mariani, cestista della Polisportiva Senna con disabilità, plurititolato a livello nazionale ed europeo e vice campione mondiale agli Special Olympics World Summer Games di Abu Dhabi nel 2019.

FB in breve

Filippo Brusa, giornalista professionista, autore e conduttore televisivo, promuove iniziative editoriali legate all’ambito culturale, sportivo ed enogastronomico, applica il giornalismo come strumento per comprendere il mondo e lotta contro ogni censura, contro l’ipocrisia del politically correct, contro il mostro soffocante del luogo comune e contro la sopraffazione del «pensiero unico».

Seguimi

Archivi

Risali

Non perderti