Ebagua torna a Varese per riscoprire la purezza del calcio

23 Dicembre 2020
1 minuto di lettura

Giulio Ebagua ha lasciato Malta, dove avrebbe dovuto giocare in questa stagione, per ascoltare il richiamo del cuore e tornare, dopo sette anni e mezzo, a Varese: «Qui – dice – posso trovare stabilità, riscoprendo la purezza del calcio».
Ebagua è ancora l’attaccante più prolifico nella storia del Varese perché con la maglia biancorossa ha segnato in tutto 46 gol: i 41 dei campionati 2009-2010, 2010-2011 e 2012-2013, a cui vanno aggiunte le due reti realizzate il 23 maggio e il 30 maggio 2010, nelle semifinali dei playoff per la B contro il Benevento, oltre ai tre gol confezionati in Coppa Italia. Questo ragguardevole bottino è destinato ad aumentare appena il giocatore entrerà a far parte della squadra di Ezio Rossi, allenatore conosciuto alle giovanili del Torino.
Nella lunga chiacchierata con Filippo Brusa, Ebagua non parla solo del Varese ma soprattutto sa mettersi a nudo senza paura, guardandosi dentro, facendo uscire la voce del cuore, riconoscendo gli sbagli del passato e dimostrando di puntare a una catarsi personale e a una elevazione interiore.

FB in breve

Filippo Brusa, giornalista professionista, autore e conduttore televisivo, promuove iniziative editoriali legate all’ambito culturale, sportivo ed enogastronomico, applica il giornalismo come strumento per comprendere il mondo e lotta contro ogni censura, contro l’ipocrisia del politically correct, contro il mostro soffocante del luogo comune e contro la sopraffazione del «pensiero unico».

Seguimi

Archivi

Risali

Non perderti