Livermore, un canter e Americanism

17 Gennaio 2020
1 minuto di lettura

La ventottesima puntata di Mondo Galoppo incomincia con una intervista a Emiliano Piccioni, il direttore dell’ippodromo di Pisa, che commenta il premio intitolato alla famiglia di Davide Livermore, celebre regista, erede di illustri fantini (il bisnonno Palmiro e il nonno Roberto) e protagonista di una giornata di festa a San Rossore.
Facendo riferimento alla netta vittoria di Wanaash, ottenuta dal fantino Dylan Hogan a Wolverhampton, Gian Marco Zanzi, opinionista tecnico della trasmissione ideata e condotta da Filippo Brusa, spiega che cos’è un canter: questa espressione, abbreviazione di Canterbury gallop, «galoppo di Canterbury», indica, propriamente, la breve trottata che si fa compiere al cavallo prima di portarsi alla partenza, ma per estensione significa una corsa vinta con estrema facilità.
Dopo una breve presentazione della stagione invernale delle Bettole, la trasmissione si dedica ancora all’ippodromo di Pisa e alla vittoria di Americanism, montato dall’amazzone Danila Cherio, di cui parla la proprietaria Patrizia Testa, in collegamento telefonico.
La puntata è impreziosita anche da Luisa Cozzi, direttrice editoriale di Poetando, pronta a leggere alcune significative poesie sui cavalli.

FB in breve

Filippo Brusa, giornalista professionista, autore e conduttore televisivo, promuove iniziative editoriali legate all’ambito culturale, sportivo ed enogastronomico, applica il giornalismo come strumento per comprendere il mondo e lotta contro ogni censura, contro l’ipocrisia del politically correct, contro il mostro soffocante del luogo comune e contro la sopraffazione del «pensiero unico».

Seguimi

Archivi

Risali

Non perderti